Casella di testo: Per visualizzare bene le pagine settare una
risoluzione 1024 x 768

Piazza Unità d'Italia n°2 98073 Mistretta (ME)

Tel.: 0921383271           Fax: 0921383271

E-mail: consiglio@mpvmistretta.org

Ai sensi della Legge 7 marzo 2001, n.62, si dichiara che questo sito non rientra nella categoria di "informazione periodica" in quanto viene aggiornato ad intervalli non regolari.

Per dire che . . . è sempre un figlioscarica il nostro banner
Pentagono regolare: QUANDO LA VITA E’ PIU’ FORTE Oggi riescono a sopravvivere fuori del grembo materno, feti alla 22a settimana come potete leggere nei due articoli che vi proponiamo: 
Valeria la bimba che non avrebbe dovuto vivere; 
Alessio, se l’aborto diventa una nascita
Ovale: A 22 SETTIMANE SI ABORTISCE ANCORA E SE IL BIMBO E’ VIVO CHE SI FA?
Appello del Presidente del MPV Italiano ai Neonatologi

IN  LUCE

Il bambino che viene alla luce lasciando la protezione del grembo materno è oggi certamente, a differenza, purtroppo, dell’embrione o del feto da cui si è sviluppato, un soggetto di diritti riconosciuti e sanciti a livello internazionale:

1) Nella Dichiarazione di Ginevra del 1924 sui diritti del fanciullo è stata enunciata la necessità di concedere una protezione speciale al fanciullo;

2) Nella Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo (10/12/1948), le Nazioni Unite hanno proclamato che l'infanzia ha diritto ad un aiuto e ad una assistenza particolari;

3) Nella Dichiarazione dei Diritti del Fanciullo adottata dall'Assemblea Generale il 20 novembre 1959   

4) Nella “Convenzione sui diritti del fanciullo” (New York  20/11/1989), ratificata in Italia dalla Legge 27 maggio 1991, n. 176 e anche in molti paesi del mondo.

In questa convenzione all’articolo 1 si dice:

“si intende per fanciullo ogni essere umano avente un'età inferiore a diciott'anni, salvo se abbia raggiunto prima la maturità in virtù della legislazione applicabile”

Lo si riconosce soggetto dei diritti enunciati nella convenzione e si stabilisce all’ articolo 3:

“In tutte le decisioni relative ai fanciulli, di competenza sia delle istituzioni pubbliche o private di assistenza sociale, dei tribunali, delle autorità amministrative o degli organi legislativi, l'interesse superiore del fanciullo deve essere una considerazione preminente.

Casella di testo: E’ interessante osservare come nel preambolo della convenzione a fianco citata si afferma una cosa interessantissima a tutela del bambino che è nato e che non potrebbe mai avere  alcun diritto se esso, allo stato di embrione o feto,  fosse stato soppresso nel grembo materno nei primi istanti e/o mesi di vita:
“...come indicato nella Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo, il fanciullo, a causa della sua mancanza di maturità fisica ed intellettuale necessita di una protezione e di cure particolari, ivi compresa una protezione legale appropriata, sia prima che dopo la nascita …”
Questo buon proposito che fine ha fatto in tutti gli stati che hanno legalizzato l’aborto?
Casella di testo: Già nato